CHIAMACI:

+41 (0) 919943871

CH – LUGANO,
Via Nassa , 66
6900 Lugano
e-mail: segreteria@ldavinci.org

Seguici su FaceBook

Progetto Dimore

I docenti della Scuola Media, ad inizio anno scolastico, si incontrano per stabilire obiettivi didattici, mete educative e per elaborare il progetto d’Istituto che, in modo trasversale, coinvolge più discipline.

Per l’anno scolastico in corso i professori di Italiano, Storia e Geografia, Arte e tecnologia hanno proposto di elaborare un lavoro di ricerca e visite che ruota intorno al tema dell’abitare e il titolo che gli è stato assegnato è DIMORE. Ma anche l’insegnante di informatica e quelli di lingue a vario titolo saranno coinvolti. La dimensione pluridisciplinare assume quindi una funzione importante per dare forma completa a questa attività che sicuramente saprà interessare e coinvolgere, in modo fruttuoso, i partecipanti.

Se andiamo a cercare sul vocabolario (Treccani) il termine “dimora” si legge … - Sosta, permanenza in un luogo, sostare in un luogo. Più concretamente, il luogo dove si abita -. Ed è proprio nell’accezione di  -luogo dove si abita-  che si concentrerà il lavoro di ricerca e visita.

Non restano tracce evidenti di abitazioni risalenti alla preistoria. Nel paleolitico e in parte nell’era successiva l’uomo raccoglitore e cacciatore si spostava seguendo i ritmi della natura e delle mandrie. Viveva in capanne e occasionalmente occupava, come rifugio, cavità e grotte. Delle capanne si sono persi i segni, mentre nelle grotte l’uomo preistorico ha lasciato straordinarie pitture. Ma considerare le grotte alla stregua di vere e proprie abitazioni forse è un azzardo. Con l’arrivo dell’agricoltura, siamo nel neolitico, l’uomo diventa sedentario e, il suo abitare, si struttura in costruzioni più stabili e solide i cui segni sono ancora oggi visibili nei siti dell’archeologia preistorica.

Il nostro lavoro di ricerca non si propone di prendere le mosse da un’epoca così remota. Il suo obiettivo temporale è più limitato e la ricerca parte dall’età medioevale per arrivare all’età contemporanea. Si tratta di un arco di tempo comunque consistente e la selezione di quello che vedremo sul campo deve essere ben oculata, se si vuole dare un’idea di che cosa significava dimorare in un castello, in un palazzo reale o più semplicemente in una casa rurale o in un villaggio operaio.

Quindi, senza por tempo in mezzo, diamo corso al PROGETTO DIMORE che si declina in due momenti: in classe di preparazione e studio tecnico e sul campo attraverso visite e viaggi d’istruzione.

Le uscite sul campo rappresentano un momento di lavoro significativo. Mete educative e didattiche saranno comunicate di volta in volta tramite comunicazione cartacea che riporterà tutte le indicazioni del caso. Pertanto la partecipazione è vincolante.

I commenti sono chiusi